La Tobin Tax, suggerita dal premio Nobel per l’economia James Tobin, era originariamente definita come una imposta su tutte le conversioni spot di una valuta in un’altra. L’imposta originale di Tobin era intesa a infliggere una penale sulle speculazioni finanziarie a breve termine in un’altra valuta. Verso la fine degli anni ’90, tuttavia, il termine Tobin tax venne erroneamente utilizzato per descrivere tutte le forme di tassazione delle transazioni a breve termine, sia che si tratti di valute diverse o meno.

Talvolta la Tobin Tax viene anche definita l’imposta di Robin Hood perché si presuppone che gli investitori “speculatori” siano ricchi cittadini o ricche imprese e che quindi abbia una funzione distributiva della ricchezza.

 

La proposta originale di Tobin

James Tobin

Tobin propose la sua imposta sulle transazioni valutarie nel 1972 nelle sue “Janeway Lectures a Princeton”, poco dopo che il sistema di gestione monetaria di Bretton Woods terminò, nel 1971.

Prima del 1971, una delle caratteristiche principali del sistema di Bretton Woods era l’obbligo per ciascun paese di adottare una politica monetaria che mantenesse il tasso di cambio della propria valuta entro un valore fisso, più o meno l’uno per cento, in termini di oro.
Quindi, quando il 15 agosto 1971, il presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon annunciò che il dollaro non sarebbe più stato convertibile in oro, si creò la situazione in cui il dollaro USA divenne l’unico sostegno delle valute e una valuta di riserva per gli Stati membri del sistema di Bretton Woods, portando il sistema a collassare di fronte alla crescente tensione finanziaria in quello stesso anno.
In tale contesto, Tobin suggerì un nuovo sistema per la stabilità valutaria internazionale e propose che tale sistema includesse una imposta internazionale sulle transazioni in valuta estera.

Copertura contro la speculazione

I critici di tutte le tasse e le imposte sulle transazioni finanziarie sottolineano la difficoltà di gestione del rischio finanziario di differenziare la copertura dalla speculazione,  e l’argomento economico (attribuito alla “Scuola di Chicago”) che in linea di principio non possono essere differenziati. Tuttavia, i sostenitori della Tobin Tax consideravano e considerano questi problemi gestibili, specialmente nel contesto di una più ampia tassa sulle transazioni finanziarie.

In breve, le differenze sono:

  • la copertura protegge un investimento esistente da imprevisti cambiamenti di prezzo, mentre la speculazione assume un rischio aggiuntivo che l’investitore avrebbe potuto evitare;
  • la copertura è un mezzo per gestire o limitare il rischio di prezzo, mentre la speculazione si basa in realtà sull’assunzione di un rischio di profitto (e in questo senso è simile al gioco d’azzardo);
  • la copertura protegge dalle variazioni di prezzo e le rende meno rilevanti per il prezzo complessivo del disinvestimento, mentre la speculazione incorre nel rischio di realizzare un profitto specificamente dalla volatilità dei prezzi;
  • la copertura è una forma di assicurazione per gli investitori avversi al rischio, la speculazione è per coloro che cercano rendimenti più rapidi attraverso un rischio più elevato.

    Il concetto di Tobin

    Lo scopo di James Tobin nello sviluppo della sua idea di una imposta sulle transazioni valutarie era di trovare un modo per gestire la volatilità del tasso di cambio. A suo avviso:

    “gli scambi di valute trasmettono disturbi originati dai mercati finanziari internazionali: le economie nazionali e i governi nazionali non sono in grado di adattarsi a massicci movimenti di fondi attraverso le borse estere, senza reali difficoltà e senza un significativo sacrificio degli obiettivi della politica economica nazionale con rispetto all’occupazione, alla produzione e all’inflazione. “

    Tobin vide due soluzioni a questo problema

    Le soluzione furono entrambe esposte in “A Proposal for International Monetary Reform”
    La prima era muoversi “verso una moneta comune, una politica monetaria e fiscale comune e l’integrazione economica”.
    La seconda era muoversi “verso una maggiore segmentazione finanziaria tra nazioni o aree valutarie, permettendo alle loro banche centrali e ai governi una maggiore autonomia”.
    La soluzione preferita di Tobin era la prima, ma lui non la considerava politicamente valida e quindi ha sostenuto il secondo approccio:
    “Raccomando quindi con rammarico la seconda, e la mia proposta è gettare un po ‘di sabbia nelle ruote dei nostri mercati monetari internazionali eccessivamente efficienti.
    Tobin propose un’aliquota tra lo 0,05% e l’1%.

    Nello sviluppo della sua idea, Tobin fu influenzato dal precedente lavoro di John Maynard Keynes, la proposta Bancor.

LASCIA UN COMMENTO